Sezione speciale cinema

Sezione speciale cinema
Per entrare clicca sul tasto/immagine

Persecuzione

Persecuzione
Per entrare clicca sul tasto/immagine

Guido Pasolini

Guido Pasolini
Per entrare clicca sul tasto/immagine

martedì 13 novembre 2012

Pino Pelosi, la Rana che canta... 12 settembre 2008



"ERETICO & CORSARO"





Una strana sensazione- Intervista con Giuseppe Pelosi all'Idroscalo - 
Roma, 12 settembre 2008


Pelosi, sono passati trentatre anni da quella notte piena di misteri, la notte dell'uccisione di Pasolini. Lei e l'uomo che per la giustizia italiana ha ucciso il poeta. Cosa prova a ritrovarsi oggi in questi luoghi?
Una sensazione strana. Questo e il luogo dove ho perso meta della vita mia, Pasolini l'ha persa tutta, ma io ne ho perso almeno meta... tra carcere e problemi... Mi hanno condannato a nove anni,sette mesi e dieci giorni, ma poi sono tornato a delinquere e in tutto ho fatto ventisette anni di galera. E la meta precisa della mia vita...
Che posso dire? Qui e tutto cambiato, hanno recintato, hanno fatto un'area protetta... E difficile riconoscere tutti i luoghi: laggiu c'era la porta del campetto di calcio, dove Pasolini quella notte ha parcheggiato la macchina, ma ora il campetto non lo vedo piu. Anche il monumento e cambiato. So
che e stato rifatto, prima era stato distrutto dai vandali, poi l'hanno rifatto. C'e ancora qualche baracca, coperta dalla vegetazione, vedo che la vegetazione ha preso il sopravvento. La sensazione e un po' strana, e passato tanto tempo...


Proviamo a raccontare cos'e successo in questo luogo quella notte. Recentemente sono comparsi alcuni articoli di stampa nei quali lei, Pelosi, ha fatto nuove rivelazioni. Per esempio, ha detto alla regista Roberta Torre che quella sera del 1° novembre 1975 non era la prima volta che incontrava
Pasolini... Che vi eravate conosciuti prima, che c'era un appuntamento tra voi... Come andata veramente?
E vero. Quella sera io e Pasolini avevamo un appuntamento al chiosco della stazione. L'avevamo fissato una settimana prima, questo appuntamento, quando c'eravamo visti per la prima volta, io e lui, proprio a quel cacchio di chiosco di piazza, dei Cinquecento. Io ci andavo spesso in quel bar, ci andavo con gli amici, avevamo diciassette anni, giravamo sempre per strada, ma non per fare marchette, noi andavamo spesso al cinema. Ce n'erano un paio, di cinema: il Moderno e il Modernetto, nei pressi della stazione. E noi andavamo a vedere i film, sperando sempre che comparisse qualche donna col petto nudo. Io non ero un marchettaro, semmai e vero che rubacchiavo, motorini, vespini, e a diciassette anni gia ero stato dentro due volte per cazzate. Una sera mi e capitato di conoscere Pasolini in quel chiosco. Lui e sceso dalla sua bella macchina, e entrato al bar, abbiamo scambiato quattro chiacchiere.


Che cosa vi siete detti?
Ma niente, poche parole. Lui mi ha chiesto: ?Tu vieni pesso??. E io ho risposto: ?Si, passo di qui la sera, quando vado al cinema?. Poi mi ha offerto da bere. Prima di quella sera non l'avevo mai visto. E non sapevo nemmeno chi fosse. Che si trattava di Pasolini me lo dissero gli amici che stavano fuori e ci videro parlare. ?Ma lo sai che quello e uno famoso? - mi dissero - lo sai che con quello se possono fa' 'n sacco de soldi??

In quel primo incontro, che cosa e successo tra voi?
Quella sera niente, abbiamo scambiato qualche parola. Mi offri una cosa da bere. Poi basta.

Ma vi siete dati un appuntamento?
Ah si. Un appuntamento per il sabato successivo, a una settimana di distanza. Per rivederci sempre al chiosco.

Cosi si arriva alla sera del 1° novembre. Lei e tornato al chiosco...
Si. Quella sera c'erano pure Franco e Giuseppe Borsellino con me e gli altri amici davanti al chiosco di piazza dei Cinquecento. E quei due stavano tramando qualcosa, qualcosa di brutto, me ne sono accorto subito, e percio gli ho detto chiaro che io non volevo partecipare, non ne volevo sapere
nulla. Poi arrivo Pasolini, con la sua bella macchina, e io me ne andai con lui.

Pero un testimone dice di averla vista telefonare, nei giorni precedenti alla morte di Pasolini, dicendo: ?Se c'e da dargli un po' de botte, ci sto?. Come se lei, prima ancora di essersi accorto quella stessa sera che i Borsellino tramavano qualcosa di brutto, fosse d'accordo gia da qualche giorno a partecipare a un'imboscata...
Smentisco. Non c'e stata nessuna telefonata. E falso. Io non sapevo niente.

Quindi, lei e salito sull'auto di Pasolini, intuendo che i Borsellino tramavano qualcosa, ma non sapendo esattamente che cosa, e soprattutto dopo essersi dissociato apertamente dal loro progetto.
Quando la macchina e la moto hanno cominciato a seguirvi, lei si e accorto di questi movimenti?
No, assolutamente. Non ho visto nulla, con Pasolini stavamo dentro la macchina, a parlare, non guardavo fuori.

E parlando siete arrivati fin qui senza accorgervi di nulla? Neppure quando vi siete fermati alla trattoria Biondo Tevere dove lei ha cenato?
Si. Non ho visto niente. Siamo arrivati qui senza accorgerci di niente.

E qui, all'Idroscalo, cos'e successo?
La macchina di Pasolini e entrata da quell'apertura, ed e arrivata fino a quel punto, dove c'era la porta di un campetto di pallone. Pasolini ha parcheggiato proprio li. Era buio, sembrava deserto.
Stavamo li, dentro l'auto, abbiamo fatto quello che ho raccontato piu volte, quella cosa li... Poi io sono uscito dalla macchina, sono andato a urinare vicino alla rete... E in quel momento e spuntata una macchina scura, non so se un 1300 o un 1500, e una moto. Sono arrivate in tutto cinque persone.

E poi?
A me m'ha bloccato subito uno con la barba, sulla quarantina, m'ha detto: ?Fatti i cazzi tua, pederasta? ho preso una bastonata e un cazzotto. Ho visto che trascinavano Pasolini fuori dalla macchina, e lo riempivano di pugni e calci, picchiavano forte. Gridavano, ho sentito le urla, gli
dicevano: ?Sporco comunista, frocio, carogna?. Ho avuto paura, mi sono allontanato nel buio.
Sono tornato quando tutto e finito.

Dunque, gli aggressori erano cinque. Li conosceva?
Due li conoscevo. Erano Franco e Giuseppe Borsellino. Poi c'era questo che mi ha colpito, questo con la barba: non lo conoscevo, ma l'ho visto da vicino che aveva una quarantina d'anni. Gli altri due non so proprio chi fossero.

Franco e Giuseppe Borsellino sono i due fratelli catanesi, ora entrambi morti, che confidarono al maresciallo Sansone di aver partecipato al delitto insieme a lei e a Giuseppe Mastini. Li conosceva bene i Borsellino?
Erano due amici miei. Con loro ci conoscevamo da prima, da ragazzini, perche rubavamo insieme i motorini. Siamo cresciuti insieme, tra i palazzi dell'Ina casa. Il piu piccolo dei fratelli, l'ho saputo anni dopo, era completamente drogato: anfetamine e stimolanti. Erano due ladri di borgata, come me, ma in quel periodo sia Franco sia Giuseppe erano diventati fascisti, so per certo che bazzicavano la sezione del Msi al Tiburtino, andavano a fare politica.

Secondo quanto i Borsellino confidarono al maresciallo Sansone, quella sera cera anche Giuseppe Mastini, detto Johnny lo Zingaro...
Johnny l'hanno sempre messo in mezzo, ma non c'entra niente... E vero, anche lui e un vecchio amico, era nello stesso giro, l'avro visto una decina di volte. Faceva pure lui la vita di ruberie, si rubacchiava, poi e stato arrestato per omicidio, ma quella sera a Ostia non c'era.

Ma allora, perche i Borsellino lo avrebbero coinvolto nel pestaggio di Pasolini?
Che ne so? Ma non e vero niente. Mastini non c'entra niente. Frequentava la nostra zona, tutto qui. Tutto nasce da una cartolina che quando ero in carcere ho scritto ai Borsellino: Salutatemi Johnny... E da li l'avvocato Marazzitta e partito in tromba: ecco chi ha ammazzato Pasolini... ma Johnny non c'entra. Lo escludo categoricamente.

Durante il pestaggio di Pasolini, lei cosa faceva?
Io mi sono allontanato, ho preso quel cazzotto, ero terrorizzato, e mi sono nascosto nel buio, sono tornato indietro solo quando quelli se ne sono andati via. Pasolini stava per terra. Ho visto il corpo immobile. Mi sono spaventato, ho preso la sua auto e sono fuggito. Ho visto che non c'era piu niente da fare e sono scappato. Sono andato alla fontanella, mi sono sciacquato e sono scappato con la macchina sua. Ho fatto un pezzo contromano e i carabinieri mi hanno fermato. Mi hanno arrestato per furto d'auto.

Lei ricorda di essere passato, fuggendo con l'auto, sul corpo di Pasolini?
Non ricordo... adesso, qui... la zona anche adesso e un po' incolta... ma quella notte qui era tutto fango. La macchina sobbalzava, io avevo diciassette anni, ero piccoletto ed essendo una macchina bassa, un Gt, io praticamente non vedevo nulla, solo un pezzetto del vetro. Ancora oggi non so nemmeno se sono stato io a schiacciarlo sotto le ruote, o se l'avevano schiacciato prima quegli altri con la loro macchina. La zona era piena di buche, con acqua e fango, e poi ero confuso, non capivo niente, ricordo solo che scappavo su quell'Alfetta, col sedile basso, che neppure arrivavo a vedere attraverso il parabrezza, non vedevo niente, correvo e pensavo solo a scappare.

Accanto al corpo di Pasolini fu trovato il suo anello, con la pietra rossa e la scritta ?United States Army?. Negli atti giudiziari c'e scritto che lei l'avrebbe lasciato apposta, con un gesto di grande intelligenza, per coinvolgere nel delitto Johnny lo Zingaro, che era il vero proprietario dell'anello...
Ma quando mai. L'anello e mio. Me l'ha dato uno steward dell'Alitalia che abitava nel mio cortile.
Era un amico mio, ci giocavo a pallone... Lui portava questi anelli americani, glieli pagavo 25.000 lire e li rivendevo a 50.000. Era un business. Quell'anello mi piaceva e l'avevo tenuto per me. Lo portavo al dito pure quella sera e deve essermi caduto...

Lei per tanti anni si e addossato tutta la responsabilita della morte di Pasolini, negando che vi fossero altre persone all'Idroscalo. Poi, improvvisamente nel 2005 in tv, alla trasmissione Ombre sul giallo, ha rivelato la presenza di una squadra di picchiatori, i veri assassini del poeta. Perche ha
aspettato tanto per fare queste rivelazioni?
Ho ricevuto tante minacce, una montagna di minacce. In tutti questi anni ho pensato alla mia sicurezza, alla sicurezza dei miei genitori. Ora mio padre e mia madre sono morti. Non ho piu nessuno. Che mi possono fare? Tutti mi hanno minacciato, pure i froci di piazza Navona mi hanno mandato lettere di minaccia... che vonno mai? Non c'ho niente contro i gay e manco contro le lesbiche. Ma a parte questa storia dei froci, ci sono state minacce vere e proprie. Minacce serie. Ora
penso che quelle persone, quelli che quella notte vennero per picchiare Pasolini, oggi saranno pure morte, e comunque c'avranno piu di settantanni... E poi, adesso i tempi sono piu maturi... penso che la gente e cresciuta, sono passati tanti anni...

Perche l'hanno ribattezzata Pino la Rana?
Sono stato soprannominato la Rana perche quando sono arrivato a Regina Coeli avevo gli occhi gonfi per le botte, avevo preso botte, m'hanno proprio menato... e cosi un giornalista si e inventato questo soprannome. Il mio vero soprannome era un altro. Mi chiamavano Pelosino, perche ero un ragazzino, e non c'avevo un pelo di barba. Ora, invece, c'ho una barba cosi...

Pelosi, sono passati trentatre anni. Oggi lei e adulto, e ha pagato il suo conto con la giustizia.
Secondo lei, cosa e successo quella sera?
Secondo me era una lezione, una punizione, forse dovuta al partito o alla politica. Pasolini stava sul cacchio a qualcuno. Lo massacravano e gli dicevano: ?Sporco comunista, sporco frocio?.

Che cosa c'entra la politica?
Se tu uccidi qualcuno in questo modo, o sei pazzo o hai una motivazione forte: siccome questi assassini sono riusciti a sfuggire alla giustizia per trentanni, pazzi non sono certamente... E quindi avevano una ragione, una ragione importante per fare quello che hanno fatto. E nessuno li ha mai toccati. Perche alla fine di questa brutta storia ho pagato solo io, che avevo solo diciassette anni, forse perche sono il ?gargio? di zona... come si dice a Roma... il piu scemo. Sono stato usato. L'ho capito troppo tardi. Ma oggi sono pentito di essermi accollato tutto.

Perche lei si e accollato tutto?
?Me l'ha consigliato il mio avvocato, Rocco Mangia. Mi ha detto: fai cosi, esci presto, sei minorenne. Mi sono chiesto il perche, in questi mesi, piu volte. Molti giornalisti mi ci hanno fatto pensare. Perche e andata cosi? Perche dovevo pagare solo io? C'e chi parla di politica... l'avvocato mio era un DC. Ho pensato a una sua convenienza politica, lui poi s'e candidato... Oppure mi ha consigliato perche davvero ci credeva. Comunque, aveva detto: tu sei minorenne, ci mettiamo poco a farti uscire.
Bon voyagd... Io la galera me la sono fatta tutta. Otto anni mi sono fatto.

Gli avvocati Spaltro, i primi che la difesero nel processo, la pensavano diversamente da Rocco Mangia. Le avevano consigliato di non accollarsi tutta la colpa di quel pestaggio mortale...
Anche loro, pero, hanno usato uno stratagemma per avvicinarsi a me. Mi dissero: ?Ci ha mandati tuo zio Giuseppe?. Ma io non ho alcuno zio Giuseppe. Poi e arrivato l'avvocato Rocco Mangia che si e offerto di difendermi gratuitamente. Me lo portarono mio padre e mia madre, di cui mi fidavo ciecamente. Cosi lo nominai mio difensore. Lui poi mi ha consigliato di levare gli Spaltro.

Chi porto il perito Aldo Semerari nel suo processo?
Semerari lo porto Rocco Mangia. E nel processo ricordo i nomi di altri due periti: la Carraro e Ferracuti. Poi il tribunale aveva nominato Busnelli, Giordano e un altro. La parte civile aveva come perito Luigi Cancrini. Erano sette, in tutto, i periti che dicevano che al momento di ammazzare Pasolini io non ero in grado di intendere e di volere, e che quindi non ero punibile. Ma il tribunale, contro il parere di sette periti, compreso uno di parte civile, mi ha condannato a nove anni, sette mesi e dieci giorni. Come si spiega questa sentenza? Sta cosa mi ha stranito...

Ha piu rivisto i Borsellino?
I Borsellino li ho rivisti. Uno, quello piu piccolo, l'ho rivisto in carcere, era mezzo strippato, drogato, stava al reparto dei matti. L'altro l'ho visto dopo un sacco di tempo... al balcone. Era sieropositivo. Non gli ho detto niente. Non me ne fregava niente. Poi e morto.

Lei oggi sostiene di non essere l'assassino di Pasolini. Che ricordo ha di questo grande intellettuale, romanziere, poeta, regista, che quella sera di trentatre anni fa lascio in questo luogo la sua vita?
Pasolini lo ricordo bene... Ricordo un particolare: la sua faccia, che non andava d'accordo con la sua voce. Aveva una faccia da duro, con la mascella squadrata, ma una voce soave. Che posso dire di lui? Era una persona gentile, si potrebbe dire che era un uomo ?vecchio stampo?. Oggi penso che sarebbe stato un buon amico.

Roma, 12 settembre 2008 Da Profondo nero, Chiarelettere 2008





A massacrare il poeta furono cinque persone

Giuseppe Pelosi, condannato per l'omicidio di Pierpaolo Pasolini fa un ulteriore passo avanti verso la verità sull' uccisione del poeta. La notte tra il 1 e il 2 novembre del 1975 erano in cinque a massacrare di botte il saggista che aveva denunciato i retroscena del potere e che stava lavorando al romanzo "Petrolio" dedicato a Eugenio Cefis, indicato come il vero fondatore della P2 e il "grande manovratore" del potere più oscuro.

Pelosi non incontrò casualmente il regista quella sera; c'era un appuntamento fissato esattamente una settimana prima.

Pelosi rivela, in una intervista inedita a Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza - autori del volume "Profondo nero. Mattei, De Mauro, Pasolini. Un'unica pista all'origine delle stragi di Stato", appena uscito per Chiarelettere - che tra quei 5 c'erano i due fratelli Borsellino, Franco e Giuseppe, morti da tempo di aids. Il nome dei due non è nuovo. Già una informativa di due mesi dopo il delitto li indicava, assieme ad un terzo, come gli autori del massacro dell'Idroscalo. Ora Pelosi ne conferma direttamente la responsabilità ed anche il contesto in cui avvenne il pestaggio mortale e dice che sono rimasti nell'ombra gli altri tre (anche se uno potrebbe essere, nonostante le smentite di Pelosi, Giuseppe Mastini, detto Jhonny lo Zingaro), e soprattutto che si trattò di un omicidio politico.

I due Borsellino erano frequentatori della sezione dell'Msi del Tiburtino. "Se tu uccidi in questo modo o sei pazzo o hai una motivazione forte. Se gli assassini sono stati fatti sfuggire alla giustizia per trent'anni, pazzi non sono certamente ..avevano una ragione importante per fare quello che hanno fatto. E nessuno li ha mai toccati.". "Quella sera c'erano pure Franco e Giuseppe Borsellino... quei due stavano tramando qualcosa, qualcosa di brutto me ne sono accorto subito, e perciò gli ho detto chiaro che io non volevo partecipare, non ne volevo sapere nulla". Appena arrivato all'Idroscalo sulla Gt di Pasolini dal buio esce una macchina scura, un 1300 o un 1500 da cui scendono 5 persone. Uno, con la barba sui 40 anni, assesta a elosi un cazzotto. Pelosi scappa dopo essere stato minacciato. I 5 tirano fuori Pasolini dalla macchina e iniziano il pestaggio. Gli dicevano "Sporco comunista, frocio, carogna". Pelosi si riavvicina quando tutto è finito. 
 Il problema, quindi, sono gli altri tre, quelli mai individuati. I Borsellino - dice Pelosi - erano "diventati fascisti, andavano a fare politica". Pelosi conferma di aver avuto nel tempo minacce "vere e proprie", inviti a tacere. Quella data a Pasolini fu una lezione, una punizione, "forse dovuta al partito o alla politica. Pasolini stava sul cacchio a qualcuno". Alla fine " ho pagato solo io" spiega Pelosi che rivela un'altra novità. La scelta di accollarsi tutta la storia, di ridurre tutto " a un fatto di froci" gli venne suggerita dal suo avvocato difensore, Rocco Mangia. Questo avvocato era subentrato a due colleghi, gli Spaltro che si erano proposti di difendere Pelosi con uno stratagemma: avevano millantato una sorta di mandato avuto da "zio Giuseppe", solo che Pelosi non aveva alcun zio con questo nome. Poi arrivò Mangia, portato dai genitori di Pelosi. Lui puntò tutto, diversamente dagli avvocato Spaltro, sull'occultamento del ruolo del commando dei 5 nell'omicidio. Rocco Mangia nominò come consulenti Aldo Semerari e Fiorella Carrara, i due periti utilizzati spesso dalla banda della Magliana per avere delle false perizie.

Alla fine tutti i periti, compresi quelli nominati dai magistrati, sostennero che Pelosi quella sera non era in grado di intendere e di volere ma la giuria smentì questa unanime valutazione: Pelosi si fece 9 anni, 7 mesi e 10 giorni di galera.
"Ho pagato solo io che avevo 17 anni, forse perchè ero il 'garcio' di zona...come si dice a Roma...il più scemo".
(24 febbraio 2009)

Pier Paolo Pasolini, Eretico e Corsaro - Blog creato da Bruno Esposito
Per facilitare la navigazione interna, è stato creato un sito che fa da indice per argomenti P.P.Pasolini Eretico e Corsaro ( sito ancora in costruzione )
Qui puoi trovarci su Facebook Eretico e Corsaro
Grazie per aver visitato il mio blog.

Nessun commento:

Posta un commento