martedì 19 luglio 2016

Il pensiero in fumo. Giordano Bruno e Pier Paolo Pasolini: gli eretici totali.

"ERETICO & CORSARO"



Il pensiero in fumo. Giordano Bruno e Pier Paolo Pasolini: 
gli eretici totali.
di Guido Zingari
ripubblicato a cura di Marco Caponera



[...] un libro che il lettore deve ricostruire. 
E' lui che deve rimettere insieme i frammenti di un'opera dispersa e incompleta. 
E' lui che deve ricongiungere passi lontani che però si integrano. 
E' lui che deve organizzare i momenti contraddittori ricercandone la sostanziale unitarietà.
E' lui che deve eliminare le eventuali incoerenze (ossia ricerche o ipotesi abbandonate). 
E' lui che deve sostituire le ripetizioni con le eventuali varianti (o altrimenti accepire le ripetizioni come delle appassionate anafore).
(Pasolini, Scritti corsari - 1975, p. 5).


L’eresia nell’eresia! Cioè, l'eresia totale.



Eresia: termine usato spesso in chiave religiosa e negativa. L'eretico è colui che si oppone e che pone il dubbio su verità in cui si "deve" credere.
In questo suo lavoro Guido Zingari mette a confronto l'opera e il pensiero di Giordano Bruno, con l'opera e il pensiero di Pier Paolo Pasolini, mostrando una versione del tutto positiva del concetto di eresia: l'eresia vera, intesa come strumento di lotta contro la normalizzante tendenza del potere a produrre falsa eresia, per riaffermare i propri valori dominanti. L'eresia di chi, invece, offre l'uguale e il contrario facendo del rifiuto una condizione esistenziale e con spirito attivo, vitale, mostra una grande fiducia verso un mondo diverso, nuovo - posizionandosi "contro" chi da sempre mette al rogo persone, idee, opere...


L'eresia della quale vorremmo parlare, attraverso Bruno, Pasolini e altri, l’eresia totale, incondizionata, non circoscritta a singole, isolate infrazioni, a irregolarità identificabili. Vorremmo entrare nelle ragioni di eresie diffuse, sommesse e proliferanti. L’eresia come mentalità, non in senso sociologico ma ontologico, si traduce in atteggiamenti di rottura verso la realtà circostante, verso le possibilità di convivenza con gli altri.
 Marco Caponera


L'eresia mostrata da Zingari non va confusa con la "trasgressione" di personaggi in realtà funzionali al sistema, essa va inquadrata in valori più profondi e positivi: la ricerca della libertà, l'importanza della diversità e la fiducia in un mondo diverso. Le affinità fra Bruno e Pasolini, per Zingari, sono soprattutto nel loro rapporto col Potere - la cui forza si esprime con la "retorica della condanna a morte".


Guido Zingari, docente di Filosofia del Linguaggio presso l’Università di Roma Tor Vergata, ha perso la vita il 6 aprile 2009 nel terremoto che colpì l’Abruzzo. Marco Caponera, allievo di Zingari e curatore dell’Archivio Guido Zingari.





Pier Paolo Pasolini, Eretico e Corsaro
Curatore, Bruno Esposito

Collaboratori:
Alessandro Barbato.



Seguici anche su Facebook, siamo già in tanti
Qui: 
Eretico e Corsaro


Grazie per aver visitato il  blog.