lunedì 24 luglio 2017

Febbraio - Pasolini poesie friulane- Il Setaccio

"ERETICO  e  CORSARO"



Febbraio
Pasolini, poesie friulane
Il Setaccio



Sensa fuèis a era l'aria
boscùs, virdis, moràs;
di la da li ciampagnis,
sot i clars mons, paesùs.

Strac di zuià, tra l'erba
in tai dis di Fevàr,
ca i mi sentavi, frut,
a respirà la sera.

I soi tornàt li Estàs.
E drenti lis ciampagnis,
oh misteri di fuèis.
Quànciu ans son passàs!

Adess, eco Fevràr,
boscus, virdis, moràrs;
ca, i soi sentàs tal'erba,
i ans son passàs par mùa.

*****

Senza foglie era L'aria,
boschetti, viti, gelseti;
di là dalle campagne,
sotto i chiari monti, paesetti.


Stanco di giocare sull'erba
- nei giorni di Febbraio
- qui io mi sedevo, ragazzo,
a respirare la sera


Sono tornato nelle Estati.
E, dentro le campagne, 
oh mistero di foglie. 
Quanti anni sono passati!


Adesso ecco Febbraio
boschetti, viti, gelseti;
qui son seduto sull'erba,
gli anni sono passati per nulla.

Pier Paolo Pasolini



Pier Paolo Pasolini, Eretico e Corsaro

Curatore, Bruno Esposito

Collaboratori:
Alessandro Barbato
Maria Vittoria Chiarelli
Simona Zecchi
Giovanna Caterina Salice


Nessun commento:

Posta un commento