sabato 22 luglio 2017

Pasolini - Una mostra a Udine - Il Setaccio

"ERETICO  e  CORSARO"



Una mostra a Udine

Il Setaccio, 
anno III, 
numero 6, 
pag. 20,
maggio 1943



   Confessiamo di esserci meravigliati non poco visitando, a Udine, la mostra dei pittori Bierti, Mitri, Pittino, dell'incisore Tramontini, degli scultori Micconi, Piccini e Pischiutti. Nessuno potrà affermare che la capitale friulana possa vantarsi d'essere, culturalmente, ad un posto d'avanguardia, con il suo sparuto e retrivo gruppo di letterati (che vanno divulgando sul «Popolo del Friuli» le loro magre e confuse nozioni) e col suo vecchio centro filologico sopravvissuto a una rigogliosa tradizione e-come dimostra lo stanco «Ce fastu?»-ora in tempo di magra. Una mostra di pittura quindi ci sembrava non potere tradire tale «ambiente» culturale, anzi esserne pienamente e infelicemente partecipe. Tutt'altro, invece. In queste piccole sale c'era od or di Milano, di Roma, di capitale, insomma; (e il pubblico, al solito, arricciava il naso). 
Pittino infatti, proviene da Milano, dalla scuola di «Corrente», e con lui, Bierti: e se la «provincia» affiora in queste tele con un suo insopprimibile e fatale senso di normalità, tuttavia quelle esperienze d'avanguardia rimangono a rivendicare le ragioni dell'intelligenza e del buon gusto. Così, se di Pittino, la «provincia» impone una sorta di marcia indietro, di pentimento, con il gusto borghese del «buon» ritratto compiaciuto nella lacca delle labbra e delle unghie dipinte, sopravvive altresì parallelamente, un gusto letterario, che in Venere e Marte del '37 sfuma in blocchi anatomici un po' scolastica. mente, diremmo, soddisfatti" di sé. Ma la pittura si prende la rivincita in alcune nature morte e in alcuni paesaggi per mezzo di una gentilissima ed acuta penetrazione lirica. Ci riferiamo soprattutto ad un gruppetto di nature morte, Funghi, Bricchi e conchiglia, Natura morta, e specialmente a quest'ultima, cantata da un trasparente e sostenutissimo accordo cromatico, veramente azzeccato, e tale da conferire, con la sua felicità, un carattere piuttosto originale al pittore che l'ha condotta a termine. Come per i paesaggi De Pisis (molto placato e addensato), così non esiteremo a fare il nome di Morandi per queste nature morte pittiniane: il nome soltanto, ché questa pittura trova una sua personalità fine e riservata nel ridire placando. 
   Ernesto Mitri con la sua Ragazza seduta viene a prendersi una parte indubbiamente importante in questa mostra. Una melanconia lontana e dolce viene a effondersi nelle calde membra di questa ragazza abbandonandole a un cauto e assente rilassamento. I colori, caldi e bruni, non sono sempre rigorosamente adeguati all'ispirazione, e talvolta macchiano e splendono, come in qualche parte un po' generica dello sfondo. E sembra che sia sempre un poco l'impasto cromatico a tradire, con la sua genericità, la sincera e chiara ispirazione pittorica di certi paesaggi, come Una casa e una strada, dove al peso reale delle cose si sovrappone un peso artefatto del colore (vedi il troppo greve azzurro nella casa di sinistra). Tuttavia nasce subito davanti a queste tele un senso di buona e sciolta schiettezza: come nel Castagno, solido di volume e ben frondeggiante dentro l'aria, senza più il peso della materia. 
   Tra il Pittino e il Mitri diremmo, così scoperti e sodi, Cesco Bierti pone in maggior rilievo la grazia arcaica e astratta delle sue leggere fantasie cromatiche. Tazze, piccole coppe, scodelle, allineate una dopo l'altra - come scritte - senza necessità compositive, sulla tela, con colori agri, e, pur nella loro vivacissima crudezza, fioche, sembrano per ora accontentare la necessità espressiva di Bierti. Qualcosa tuttavia di più cantato e composto è già qui reperibile: e alludiamo a Fiori in rosso e Il vaso verde, dove la materia dei rossi e dei verdi stridenti è da una diffusa, acre opacità, resa concorde; nel primo al preparato straordinariamente liscio e levigato, nel secondo ruvido, secco bruciato. (Meno alto ci pare, qui, il livello degli scultori, se si eccettua G. Micconi, con un suo Piccolo nuotatore: un nudino liscio, tenero, semplicissimo, nel quale la materia grigia, opaca, lavorata con lentezza, non è l'ultimo degli elementi che ne formano la suggestione.) 
   Virgilio Tramontin, incisore, si presenta qui, forse, come la personalità più sicura e lineare. Non si potrà ricercare giustificatamente in questo buon numero di acqueforti, una preoccupazione lirico-deformatrice che possa far ricordare i nomi più impegnati dei nostri incisori (Bartolini, Morandi): la sua arte, sviluppatasi e maturatasi in provincia, lontana, benché cosciente, di certi problemi che assillano sempre le nostre odierne arti figurative, sembra ricercare i propri motivi poetici in una casta saggezza di visione (si vedano soprattutto Le foci della Livenza). Questi «luoghi» tramontiniani conservano tutti i loro dati naturali, (e parleremmo a lungo delle dolci terre dove il ruvido Friuli si ingentilisce nella Venezia) e la sua trasfigurazione è molto interna, affettuosa, scoperta.

Pier Paolo Pasolini, Eretico e Corsaro

Curatore, Bruno Esposito

Collaboratori:
Alessandro Barbato
Maria Vittoria Chiarelli
Simona Zecchi
Giovanna Caterina Salice

Che paese meraviglioso era l’Italia, di Pier Paolo Pasolini (Recensione a “Un po’ di febbre” di Sandro Penna, 1973)

"ERETICO   CORSARO"



Che paese meraviglioso era l’Italia, di Pier Paolo Pasolini
In "Il Tempo", 10 giugno 1973, poi in Pier Paolo Pasolini,
Scritti corsari, Meridiani, Milano 1999
Recensione a Un po’ di febbre di Sandro Penna, Garzanti 1973.
In Dossier Storia & Storici - maggio 2012, a cura di Antonella Pierangeli
http://www.storiaestorici.it/

Caro Sandro, non è forse giusto ch'io dica a te cose che riguardano te, e che ti dipingono con tanto amore. Io ho un culto di te. E, come tutti i culti, mi dà il rimorso di non essere così forte e fedele da praticarlo degnamente. Ciò lo dico come se ambedue fossimo morti, e la vita non ci toccasse dunque più con la sua miseria, che giorno per giorno, ora per ora, contraddice ciò che tu sei e ciò che io penso tu sia...
Questo post fu realizzato
il 16 giugno 2012
da Angela Molteni, 
Con  la collaborazione di
Bruno Esposito

   Questo libro è un brano di tempo ritrovato. È qualcosa di materiale. Un delicatissimo materiale fatto di luoghi cittadini con asfalto e erba, intonaci di case povere, interni coi modesti mobili, corpi di ragazzi coi loro casti vestiti, occhi ardenti di purezza e innocente complicità. E com'è sublime il completo, totale disinteresse di Penna per ciò che accadeva al di fuori di questa esistenza tra il popolo. Niente è stato più antifascista di questa esaltazione di Penna nell'Italia sotto il fascismo, vista come un luogo di inenarrabile bellezza e bontà. Penna ha ignorato la stupidità e la ferocia del fascismo: non l'ha considerata esistente. Peggiore insulto non poteva - innocentemente - inventare contro di esso. Che Penna è crudele: non ha pietà per ciò che minimamente non è investito dalla grazia della realtà, figurarsi per ciò che n'è fuori o contro. La sua condanna - non pronunciata - è assoluta, implacabile, senza appello.

   Che paese meraviglioso era l'Italia durante il periodo del fascismo e subito dopo! La vita era come la si era conosciuta da bambini, e per venti trent'anni non è più cambiata: non dico i suoi valori - che sono una parola troppo alta e ideologica per quello che voglio semplicemente dire - ma le apparenze parevano dotate del dono dell'eternità: si poteva appassionatamente credere nella rivolta o nella rivoluzione, che tanto quella meravigliosa cosa che era la forma della vita, non sarebbe cambiata.

   Ci si poteva sentire eroi del mutamento e della novità, perché a dare coraggio e forza era la certezza che le città e gli uomini, nel loro aspetto profondo e bello, non sarebbero mai mutati: sarebbero giustamente migliorate soltanto le loro condizioni economiche e culturali, che non sono niente rispetto alla verità preesistente che regola meravigliosamente immutabile i gesti, gli sguardi, gli atteggiamenti del corpo di un uomo o di un ragazzo. Le città finivano con grandi viali, circondati da case, villette o palazzoni popolari dai «cari terribili colori» nella campagna folta: subito dopo i capolinea dei tram o degli autobus cominciavano le distese di grano, i canali con le file dei pioppi o dei sambuchi, o le inutili meravigliose macchie di gaggie e more. I paesi avevano ancora la loro forma intatta, o sui pianori verdi, o sui cucuzzoli delle antiche colline, o di qua e di là dei piccoli fiumi.

   La gente indossava vestiti rozzi e poveri (non importava che i calzoni fossero rattoppati, bastava che fossero puliti e stirati); i ragazzi erano tenuti in disparte dagli adulti, che provavano davanti a loro quasi un senso di vergogna per la loro svergognata virilità nascente, benché così piena di pudore e di dignità, con quei casti calzoni dalle saccocce profonde; e i ragazzi, obbedendo alla tacita regola che li voleva ignorati, tacevano in disparte, ma nel loro silenzio c'era una intensità e una umile volontà di vita (altro non volevano che prendere il posto dei loro padri, con pazienza), un tale splendore di occhi, una tale purezza in tutto il loro essere, una tale grazia nella loro sensualità, che finivano col costituire un mondo dentro il mondo, per chi sapesse vederlo. È vero che le donne erano ingiustamente tenute in disparte dalla vita, e non solo da giovinette. Ma erano tenute in disparte, ingiustamente, anche loro, come i ragazzi e i poveri. Era la loro grazia e la loro umile volontà di attenersi a un ideale antico e giusto, che le faceva rientrare nel mondo, da protagoniste. Perché cosa aspettavano, quei ragazzi un po' rozzi, ma retti e gentili, se non il momento di amare una donna? La loro attesa era lunga quanto l'adolescenza - malgrado qualche eccezione ch'era una meravigliosa colpa - ma essi sapevano aspettare con virile pazienza: e quando il loro momento veniva, essi erano maturi, e divenivano giovani amanti o sposi con tutta la luminosa forza di una lunga castità, riempita dalle fedeli amicizie coi loro compagni.
   Per quelle città dalla forma intatta e dai confini precisi con la campagna, vagavano in gruppi, a piedi, oppure in tram: non li aspettava niente, ed essi erano disponibili, e resi da questo puri. La naturale sensualità, che restava miracolosamente sana malgrado la repressione, faceva sì che essi fossero semplicemente pronti a ogni avventura, senza perdere neanche un poco della loro rettitudine e della loro innocenza.
   Anche i ladri e i delinquenti avevano una qualità meravigliosa: non erano mai volgari. Erano come presi da una loro ispirazione a violare le leggi, e accettavano il loro destino di banditi, sapendo, con leggerezza o con antico sentimento di colpa, di essere in torto contro una società di cui essi conoscevano direttamente solo il bene, l'onestà dei padri e delle madri: il potere, col suo male, che li avrebbe giustificati, era così codificato e remoto che non aveva reale peso nella loro vita.
   Ora che tutto è laido e pervaso da un mostruoso senso di colpa - e i ragazzi brutti, pallidi, nevrotici, hanno rotto l'isolamento cui li condannava la gelosia dei padri, irrompendo stupidi, presuntuosi e ghignanti nel mondo di cui si sono impadroniti, e costringendo gli adulti al silenzio o all'adulazione - è nato uno scandaloso rimpianto; quello per l'Italia fascista o distrutta dalla guerra. I delinquenti al potere - sia a Roma che nei municipi della grande provincia campestre - non facevano parte della vita: il passato che determinava la vita (e che non era certo il loro idiota passato archeologico) in essi non determinava che la loro fatale figura di criminali destinati a detenere il potere nei paesi antichi e poveri.
   Nel libro Un po' di febbre di Sandro Penna, si rievoca questa Italia. Il trauma è grande. Non si può non essere sconvolti. Leggendo queste pagine prende un'emozione che fa tremare. E fa venire anche una certa voglia di andarsene da questo mondo, con quei ricordi. Infatti non è un cambiamento di epoca, che noi viviamo, ma una tragedia. Quel che ci sconvolge non è la difficoltà di adattarsi a un nuovo tempo, ma un immedicabile dolore simile a quello che dovevano provare le madri vedendo partire i loro figli emigranti e sapendo che non li avrebbero visti mai più. La realtà lancia su noi uno sguardo di vittoria, intollerabile: il verdetto è che ciò che si è amato ci è tolto per sempre. Nel libro di Penna quel mondo appare ancora in tutta la sua stabilità ed eternità, quando era «il» mondo, e nulla avrebbe mai fatto sospettare che sarebbe cambiato. Penna lo viveva avidamente e totalmente. Aveva capito che era stupendo. Niente lo distrae da quella meravigliosa avventura che si ripete ogni giorno: svegliarsi, andare fuori, prendere a caso un tram, camminare a piedi là dove vive il popolo, fitto e chiassoso nelle piazze, disperso e intento ai suoi quotidiani lavori nelle lontane periferie lungo i campi; o col sole che tutto protegge con la sua luce silenziosa, o sotto una sublime impalpabile pioggia primaverile; o all'alitare del primo, esaltante buio di una lenta sera; e infine incontrare - che questa apparizione non manca mai - un ragazzo amato subito per la innocente disposizione del suo cuore, per l'abitudine a una obbedienza e a un rispetto non servili, per una sua libertà dovuta alla sua grazia: per la sua rettitudine.
Traversare un paese ... e lì vedere / cheti fanciulli / ridestarsi a un soffio / 
di musica e danzare. S’allontana / forma o colore: un sogno. Viva resta / 
 la dolce persuasione di una fitta / rete d’amore ad inquietare il mondo. 
(Autografo di Sandro Penna)

   
Sembra che mai Penna potesse esser tradito nelle sue speranze di tali incontri, che davano all'esistenza quotidiana, già per sé esaltante la miracolosa gioia della rivelazione, ossia della ripetizione.
   Nelle pagine di questi suoi brevi racconti, scritti con una abilità narrativa che non ha niente da invidiare al Bassani dell'Odore del fieno o al Parise di Sillabario - e lo dico perché Penna narratore è una novità e una sorpresa - è contenuta tutta la realtà di quella forma di vita, in cui la gioia, promessa e ottenuta, era diventata una forma ossessiva. Tanto che è difficile parlare di Un po' di febbre come di un libro: esso è un brano di tempo ritrovato. È qualcosa di materiale. Un delicatissimo materiale fatto di luoghi cittadini con asfalto e erba, intonaci di case povere, interni coi modesti mobili, corpi di ragazzi coi loro casti vestiti, occhi ardenti di purezza e innocente complicità. E com'è sublime il completo, totale disinteresse di Penna per ciò che accadeva al di fuori di questa esistenza tra il popolo. Niente è stato più antifascista di questa esaltazione di Penna nell'Italia sotto il fascismo, vista come un luogo di inenarrabile bellezza e bontà.
Penna ha ignorato la stupidità e la ferocia del fascismo: non l'ha considerata esistente. Peggiore insulto non poteva - innocentemente - inventare contro di esso. Che Penna è crudele: non ha pietà per ciò che minimamente non è investito dalla grazia della realtà, figurarsi per ciò che n'è fuori o contro. La sua condanna - non pronunciata - è assoluta, implacabile, senza appello.
Nella sua ristrettezza di motivi e di problemi, nel minimo spazio che si consente, questo libro in realtà è colmo di un sentimento immenso, straripante della vita. La gioia vi è così grande da essere dolorosa. Un dolore sconfinato vi è a malapena contenuto come presentimento di perdere quella gioia. Questa illimitatezza sentimentale, fa intravedere in questo poeta, che (forse con Bertolucci) è realmente il più grande poeta italiano vivente - anche quel poeta che egli non è stato: un poeta al di fuori dei limiti che egli si è imposti con commovente e purissimo rigore. Un poeta che può perdere il suo humour delizioso e disperato, lacerare i limiti della forma, espandersi nel cosmo, delirare (vedi pagg. 88, 89, 90). Il lettore mi scusi, se impostato così il discorso, non entro più criticamente nel merito del libro, analizzandolo letterariamente. Esso è fuori dalla letteratura, essendo qualcos'altro, ripeto, che un libro (o un libro unico). Non che io polemizzi contro la letteratura. Anzi la considero una grande invenzione e una grande occupazione dell'uomo. E Penna, a sua volta, è un grande letterato. 

   Ma preferisco lasciare il mio referto sospeso sull'emozione che questo libro mi ha dato col semplice mezzo di una poeticità quasi ovvia (aggettivi preposti ai sostantivi, qualche inversione, esclusione di parole prosaiche, riadottate solo in qualche caso, per improvviso bisogno di realismo o espressionismo): esso lascia il lettore tutto piagato d'un bruciore di lacrime, benché non sia sentimentale mai, in nessun momento.


Fonte:
http://pasolinipuntonet.blogspot.it/2012/07/che-paese-meraviglioso-era-litalia-di.html

.Pier Paolo Pasolini, Eretico e Corsaro
Curatore, Bruno Esposito

Collaboratori:
Alessandro Barbato
Maria Vittoria Chiarelli
Simona Zecchi
Giovanna Caterina Salice