Il Teatro di Pasolini

Eretico e Corsaro



Il Teatro di Pasolini

Il teatro che vi aspettate, anche come totale novità, non potrà mai essere il teatro che vi aspettate.Infatti, se vi aspettate un nuovo teatro, lo aspettate necessariamente nell'ambito delle idee che già avete; inoltre, una cosa che vi aspettate, in qualche modo c'è già.Non c'è nessuno di voi che davanti a un testo o a uno spettacolo resista alla tentazione di dire:"Questo
È TEATRO
", oppure: "Questo
NON È TEATRO
" il che significa che voi avete già in testa, ben radicata, una idea del
TEATRO
. Ma le novità, anche totali, come ben sapete, non sono mai ideali,sono sempre concrete. Quindi la loro verità e la loro necessità sono meschine, seccanti e deludenti: o non si conoscono o si discutono riportandole alle vecchie abitudini.Oggi, dunque, tutti voi vi aspettate un teatro nuovo, ma tutti ne avete già in testa un'idea, nata in seno al teatro vecchio. Queste note sono scritte sotto la forma di un manifesto, perché ciò che di nuovo esse esprimono si presenti dichiaratamente e magari anche autoritariamente come tale. In tutto il presente manifesto, Brecht non verrà mai nominato. Egli è stato l'ultimo uomo di teatro che ha potuto fare una rivoluzione teatrale all'interno del teatro stesso: e ciò perché ai suoi tempi l'ipotesi era che il teatro tradizionale esistesse (e infatti esisteva). Ora, come vedremo attraverso i commi del presente manifesto, l'ipotesi è che il teatro tradizionale non esista più (o che stia cessando di esistere). Ai tempi di Brecht, si potevano dunque operare delle riforme, anche profonde, senza mettere in discussione il teatro: anzi, la finalità di tali riforme era di rendere il teatro autenticamente teatro. Oggi,invece, ciò che si mette in discussione è il teatro stesso: la finalità di questo manifesto è dunque,paradossalmente, la seguente: il teatro dovrebbe essere ciò che il teatro non è. Comunque questo è certo che i tempi di Brecht sono finiti per sempre)....


Pier Paolo Pasolini
"Nuovi argomenti", n.s., 9, gennaio-marzo 1968)

Nessun commento:

Posta un commento